F.A.Q.

Concetti generali

Cosa si intende per "zero waste" ?

Zero waste ha molti significati, che possono avere più o meno attinenza con ognuno di noi.
La definizione più comune è semplicemente l’azione di ridurre la produzione di rifiuti, e quindi anche di ridurre l’impatto ambientale che hanno i prodotti che acquistiamo.

Molti lo definiscono uno stile di vita ma è anche una mentalità differente su quella che è la produzione e lo smaltimento di qualunque prodotto.
Nell’economia attuale (economia lineare), la maggior parte di ciò che viene prodotto ha un ciclo di vita che ha come ultimo step quello di finire in una discarica.
La linea di pensiero zero waste si propone di cambiare questo sistema, trasformanodolo in un’ economia circolare, dove ogni oggetto ha un ciclo di vita continuo, basato sul riutilizzo di quello stesso oggetto senza mai farlo finire in una discarica, e quindi o riutilizzarlo all’infinito o renderlo compostabile.

Questo concetto si basa su 4 principi fondamentali, RIFIUTA (tutto ciò che è usa e getta e realizzato con materiali non sostenibili, impara a dire di no!), RIDUCI (i tuoi consumi, la produzione di rifiuti, gli sprechi), RIUTILIZZA (riutilizza tutto quello che puoi, è più facile se scegli di utilizzare prodotti durevoli e pensati per essere riutilizzati), RICICLA (quello che non puoi rifiutare, ridurre o riutilizzare, oppure RICICLA IN MODO CREATIVO, ovvero trasforma quello che dovresti gettare in qualcosa di unico e innovativo).

Zero Waste però non è solo una serie di azioni: è anche la comprensione di quanto e come, noi esseri umani siamo connessi alla natura. Una volta compreso questo, verrà naturale riflettere sulle azioni che compiamo ogni giorno, e sulle loro conseguenze, che si riflettono su tutti gli abitanti della Terra e sulla Terra stessa.

Perchè dovrei limitare l'utilizzo della plastica?

L’invenzione della plastica in sè, non è da rinnegare completamente, ma a causa dell’utilizzo spropositato che ne abbiamo fatto per anni e anni, la plastica si è trasformata in un pericolo enorme per il nostro pianeta, e di conseguenza, per noi.

Sicuramente uno dei tanti motivi per cui si dovrebbe limitarne l’utilizzo è per la salute. Molte delle sostanze chimiche contenute nella plastica (come il BPA), sono dannose per la salute, in particolar modo vengono rilasciate a contatto con il calore e con gli alimenti caldi: bottigliette d’acqua che sono state esposte al sole, contenitori per il cibo messi in microonde, cibi caldi appoggiati in piatti o contenitori di plastica…
Queste sostanze possono compromettere il sistema ormonale, ad esempio ci può essere un’ alterazione delle ghiandole mammarie che possono portare anche al cancro, possono avere effetti sul feto nelle donne in gravidanza che possono comportare la presenza di eczema nei nascituri o possibile infertilità in età adulta.

Se già questo non bastasse come motivazione, sono presenti gravissimi danni all’ambiente che stiamo vedendo sempre più, che incidono sulla terra, sugli oceani e sugli animali, e su di noi !
Alcune plastiche rilasciano sostanze chimiche nocive al terreno circostante, che penetrano in profondità raggiungendo fonti d’acqua e causando gravi problemi agli essere viventi che bevono quell’acqua. Per quanto riguarda invece le plastiche biodegradabili, quando vengono gettate, rilasciano il metano, che è un pericolosissimo gas serra che contribuisce al riscaldamento globale.

Nei nostri oceani, oltre 8 milioni di plastica vengono riversati in mare ogni anno soffocando e intrappolando gli organismi marini.
Lo sapevi che nell’Oceano Pacifico è stato identificato un ammasso di rifiuti galleggianti, ribattezzato Great Pacific Garbage Patch? Esso è costituito per la maggior parte da frammenti plastici di piccole dimensioni (microplastiche), in una zona estesa di circa un milione di chilometri quadrati…e non è l’unica isola di rifiuti esistente al mondo!

Ripulire i mari dagli oggetti più voluminosi quindi, non è sufficiente, a causa delle microplastiche, che sono piccoli frammenti che si creano nel momento in cui la plastica si decompone al sole. Essendo inferiori ai 5mm, vengono scambiate per cibo dagli abitanti dei mari, accumulandosi così nei loro tessuti, passando da organismo a organismo (se non muoiono di fame, visto che questi materiali bloccano il loro tratto digestivo), per poi arrivare…nei nostri piatti.
A volte invece, i mammiferi marini rimangono intrappolati nella plastica, come se fossero reti, rischiando di rimanere uccisi per l’impossibilità di movimento o per gravi lacerazioni.
Una ricerca condotta nel 2004 ha concluso che i gabbiani nel Mare del Nord, hanno una media di trenta pezzi di plastica nel loro stomaco.

L’unica soluzione a tutto questo è ridurre drasticamente l’utilizzo della plastica. Cosa aspetti ?

Sembra così difficile intraprendere un percorso "zero waste". Da dove inizio ?

Partiamo col dire che questo percorso è diverso per ognuno di noi.
Una vita zero waste non sempre significa produrre zero rifiuti, ma può sicuramente significare diventare più coscienti delle conseguenze che hanno le nostre scelte e decidere come e dove agire, per evitare che queste conseguenze diventino dannose, o in alcuni casi letali, per noi e per l’ambiente.
Ogni persona può scegliere quanto ridurre e come farlo, ma ciò che è importante capire è che anche i cambiamenti più piccoli e più semplici, possono avere un grande impatto sull’ambiente e anche sulle altre persone che, vedendo quello che facciamo, possono essere ispirate a fare altrettanto.

Ci sono dei piccoli cambiamenti che puoi portare nella tua vita, che sicuramente richiedono un impegno minimo e ti renderanno la vita anche più semplice!
Ad esempio, abbiamo creato una sezione dedicata a tutti quei prodotti che puoi scegliere per iniziare: li trovi qui !

Ovviamente, il cambiamento non passa solo attraverso l’acquisto di prodotti alternativi e più sostenibili, ma anche tramite le nostre azioni, come ad esempio chiedere che non ci venga portata la cannuccia quando ordiniamo qualcosa da bere, portare i proprio contenitori al mercato o portare la propria tazza da thè/caffè quando si ordina la bibita da asporto al bar !

Che differenza faranno le mie azioni ?

Anche con un solo piccolo cambiamento, hai il potere di fare una grande differenza nel corso della tua esistenza su questo pianeta, senza contare tutte le persone che potresti ispirare durante il tuo percorso!
Già diventare cosciente della situazione economica ed ambientale attuale, è un grande cambiamento che ti porterà sicuramente a farne molti altri.
Se però le parole non ti bastano, ecco qui un po’ di dati:

– In Italia,  nel 2015, il 65% delle bottiglie in cui l’acqua è stata venduta era realizzato con la plastica; in quell’anno il consumo di acqua in bottiglia di plastica per ogni italiano è stato di 208 litri d’acqua.

– Per fabbricare una bottiglia in PET, imbottigliare l’acqua e trasportarla tenendola fresca,  serve un’energia pari a circa 2000 volte quella necessaria per ottenere la stessa quantità d’acqua da un rubinetto collegato all’acquedotto, sì, il rubinetto di casa.

– Un quarto di tutta la plastica che viene prodotta nel mondo è ideata per essere usata una sola volta, ma stando a dati del 2013 si ricicla solo il 14% della plastica che viene prodotta per fare oggetti usa e getta, come ad esempio le bottiglie di plastica, le tazzine da caffè, i sacchetti, e via di seguito. Gli scienziati non sanno nemmeno quanti anni servono esattamente perché una bottiglia di plastica sparisca: potrebbe trattarsi di secoli.

– Ogni anno finisce negli oceani una quantità di plastica compresa tra 5 e 13 milioni di tonnellate, dove già sono presenti 110 milioni di tonnellate di plastica.

– La plastica costituisce il terzo materiale umano più diffuso sulla Terra dopo l’acciaio e il cemento.

– Si stima che per ogni 1 chilometro quadrato nei mari italiani, siano contenuti in superficie fino a 10 kg di plastica, in particolare tra Corsica e Sardegna, attorno alla Sardegna, la Sicilia e le coste pugliesi si stimano almeno 2 kg.

Ovviamente, i danni ambientali presenti sul nostro territorio e in tutto il mondo, non sono causati esclusivamente dalla plastica, ma come avrai capito leggendo questi dati, essa è sicuramente responsabile di molti di questi danni, quindi, cosa stai aspettando ?

Il negozio

Come può Friendly Shop aiutare a fare la differenza ?

Come negozio, ci impegneremo non solo a vendere prodotti per facilitare i cambiamenti verso uno stile di vita zero waste di ognuno dei nostri clienti, ma organizzeremo eventi per sensibilizzare la comunità sul tema.
Vogliamo che Friendly Shop non sia solo un luogo d’acquisto, ma un punto di riferimento per chiunque abbia dei pensieri in linea con quello che facciamo, e un luogo in cui sostenere i progetti di chiunque condivida la nostra etica.

Nella pratica, abbiamo come priorità quella di ridurre l’utilizzo della plastica (o di utilizzare quella riciclata e riciclabile dove non sia possibile eliminarla del tutto), di spedire con materiali di recupero, riciclati e riciclabili e di essere sostenibili in tutto ciò che facciamo. Questo tipo di pensiero è stato alla base anche dell’allestimento e dell’arredamento del negozio, che è costituito completamente da materiali sostenibili, e che è stato affidato non a grandi aziende di produzione industriale, ma ad un artigiano locale.

In quali modi vi impegnate per applicare l'idea del riutilizzo ?

Nel nostro negozio, troverai uno spazio dedicato proprio a questo bellissimo concetto!
Ci sarà un cubo in cui chiunque potrà lasciare un oggetto che non utilizza più, ma che potrebbe essere utile a qualcun’altro. I prodotti che vengono lasciati non vengono messi in vendita, e quindi sarà solo un gesto carino per la prossima persona che entra, che magari sta cercando proprio quell’oggetto da tempo!
L’unica regola ? Per prendere qualcosa devi lasciare qualcosa !

Prima di lasciare un prodotto nel cubo, dovrà ovviamente essere approvato e controllato da noi, per rispettare norme igieniche e di sicurezza.

Come fate ad evitare l'utilizzo della plastica nella spedizione degli ordini ?

Per spedire gli ordini, scegliamo di utilizzare scatole in cartone riciclabile e riutilizziamo le scatole che vengono utilizzate dalle aziende per spedirci la merce.
Utilizziamo uno scotch di carta per sigillare i pacchi, seguendo gli standard di sicurezza indicati dal corriere con cui collaboriamo.
Per proteggere la merce che spediamo, visto che vogliamo che tutto arrivi sano e salvo, utilizziamo materiali sempre riciclabili e se possibile di recupero: imballaggi interni di spedizioni che abbiamo ricevuto, carta straccia, scarti di stoffe recuperati dalle sarte locali e cartoni in cui abbiamo ricevuto la merce, che non sono però in buone condizioni e che ritagliamo noi manualmente.

Chiunque ci venga a trovare in negozio, dopo aver ricevuto la merce a casa, è libero di riportarci la scatola in cui erano contenuti i nostri prodotti. Riutilizzare per noi è importantissimo !

Che tipo di sacchetti utilizzate in negozio ?

In negozio abbiamo scelto di non avere sacchetti di plastica o di carta, perchè pensiamo che sia un “oggetto” che può essere evitato nella fase di acquisto in un negozio.

E’ sicuramente vero che non sempre questi sacchetti vengono gettati, e vengono invece riutilizzati, ma a causa del materiale di cui sono composti, prima o poi andranno gettati, e volevamo evitare anche questo tipo di spreco.
Quanti di noi a casa hanno decine di borse che vengono date a ogni acquisto, e che accettiamo senza nemmeno pensarci ? E perchè nel momento in cui il sacchetto è a pagamento troviamo un modo per mettere i nostri acquisti nelle borse che già abbiamo ? Forse perchè capiamo che non ci serve realmente ?
Anche per questi motivi, ai clienti che acquistano nel nostro negozio, suggeriamo di venire a trovarci con delle borse o dei sacchetti già in loro possesso.

Per chi venisse “non preparato”, c’è la possibilità di acquistare le nostre borse di tessuto riutilizzabili: proponiamo due tipologie di borse, entrambe di cotone e con lo stesso design ma con  pesi, dimensioni e costi differenti.
Il fatto stesso di dover acquistare la borsa, renderà ogni cliente più consapevole di ciò che sta facendo e sicuramente gli farà ricordare di portarla la prossima volta o in tante altre occasioni.

L’acquisto della nostra borsa, non è solo un modo per sensibilizzare le persone ma è anche un modo per portare in giro per la città il nostro messaggio! Infatti, se desideri acquistarla, puoi trovarla qui nella versione più leggera, e qui nella versione più spessa, con il soffietto.

Vorrei collaborare con voi in quanto produco qualcosa in linea con la vostra etica aziendale, come posso fare ?

Qualunque persona operi con l’idea di ridurre l’impatto ambientale, di salvaguardare il nostro pianeta, rispettando i suoi esseri viventi, umani e non , è per noi gradita.
Che tu sia una grande azienda, un piccolo artigiano o un nuovo imprenditore nel settore, se ti fa piacere collaborare, puoi inviarci una mail spiegando nel dettaglio il tuo progetto, il tipo di supporto desiderato e tutte le informazioni che ci possono essere utili per comprendere al meglio la tua idea.
Solitamente, se siamo interessati, chiediamo di ricevere un campione del prodotto per poterlo testare prima di venderlo ai nostri clienti.
Per contattarci, vai alla sezione Contattaci !

Utilità

Cosa si intende con ritiro in sede, come opzione di consegna ?

Per chi desidera, al momento del check out c’è la possibilità di selezionare l’opzione del ritiro in sede.
Questo vuol dire che puoi acquistare e pagare la merce tramite il sito ma potrai venire a ritirarla presso la nostra sede in Via del Vescovado 20, a Padova.
Dopo aver ricevuto l’ordine con questa opzione, verrai contattat* per capire quando preferiresti passare in negozio.

Abbiamo pensato a questa opzione per chiunque desideri risparmiare sui costi di spedizione, ma soprattutto per chi desidera ricevere i proprio acquisti senza provocare danni all’ambiente.

Come posso effettuare un reso ?

La nostra politica sui resi della merce acquistata online è ben descritta qui, e te la riportiamo di seguito:

Nel caso in cui ciò che hai acquistato nel nostro sito non ti soddisfi, puoi esercitare il diritto di recesso entro un termine di 14 giorni dal ricevimento della merce.
Per procedere con l’operazione di reso, visita la sezione CONTATTI e comunicaci le seguenti informazioni:

  • nome e cognome
  • recapito telefonico
  • numero identificativo dell’ordine
  • la descrizione dei prodotti che vuoi rendere
  • i motivi del reso (questa informazione non è obbligatoria, ma ci fa piacere sapere cosa non ti è piaciuto!)

Dopo aver ricevuto queste informazioni, ti risponderemo indicando l’indirizzo a cui spedire la merce: le spese di spedizione del reso sono a carico del cliente.
Quando spedisci, assicurati che i prodotti siano nelle stesse condizioni in cui li hai ricevuti: integri, intatti, e non utilizzati. Prepara il pacco debitamente sigillato prima del ritiro. La mancanza di una di queste indicazioni, porterà a non poter effettuare il rimborso.

Friendly Shop si riserva il diritto di rifiutare resi comunicati o rispediti in ritardo, o resi di merce  che non sia nelle stesse condizioni in cui li hai ricevuti.
Entro 48 ore dal ricevimento del pacco provvederemo al rimborso senza alcuna spesa aggiuntiva.

Posso pagare tramite bonifico bancario ?

Tutti i nostri metodi di pagamento sono elencati qui. Di seguito ti descriviamo cosa devi fare per pagare tramite bonifico bancario:

Nel momento in cui stai per concludere l’ordine nel sito web, avrai la possibilità di selezionare questo metodo di pagamento, insieme a tutti gli altri.
L’ordine verrà preso in carico e spedito solo nel momento in cui i fondi risulteranno trasferiti nel nostro conto corrente..
Qui di seguito i dati bancari per effettuare il bonifico:

INTESTATARIO: Friendly Shop di Caterina Pauletti
IBAN: IT09 K030 6912 1691 0000 0007 579
CAUSALE: inserire il numero d’ordine e la data in cui è stato effettuato l’ordine

Nel caso in cui i fondi non risultino trasferiti entro 10 giorni dal momento dell’ordine, l’ordine verrà considerato annullato e ti verrà comunicato tramite il contatto lasciato in fase d’ordine.

Ho delle domande riguardanti i vostri prodotti, posso contattarvi ?

Certo che sì! Qualunque dubbio, domanda o richiesta è ben accetta e puoi farcela utilizzando i contatti in questa sezione. Puoi richiederci delle foto aggiuntive del prodotto o delle informazioni che ti possano aiutare a fare l’acquisto giusto. Un modo per evitare gli sprechi è anche quello di fare degli acquisti mirati e ben ragionati, e noi siamo qui per aiutarti anche in questo !
Se lo preferisci, puoi contattarci anche tramite i social, di cui trovi i link diretti sul fondo di ogni pagina e che ti riportiamo qui di seguito:
Instagram: @friendlyshopitalia
Facebook: Friendly Shop